La notte di San Giovanni, i fuochi e le erbe magiche - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

La notte di San Giovanni, i fuochi e le erbe magiche

Antologia > Tutti gli argomenti > Tradizioni e costumi
 
Tradizioni, costumi e folklore


Le spore (semi) della felce crescono sulla parte inferiore delle foglie
Nella notte di San Giovanni Battista, secondo la tradizione, si vive un momento magico perché essa cade nei giorni solstiziali quando, secondo un’antica credenza, il sole si sposa con la luna e dal suo sposalizio si riversano energie benefiche sulla terra e specialmente sulle erbe bagnate dalla rugiada, che si trasforma in un farmaco potente per la guarigione di molte malattie.
La tradizione della notte di San Giovanni vuole, tra l’altro, che proprio in questo particolare momento astrale le streghe si radunano per mettere in atto i loro sortilegi. Ecco come proteggersi. In questo anno 2016 la notte di San Giovanni cade tra il 23 e il 24 giugno, dopo la mezzanotte.
Secondo la tradizione la Notte di San Giovanni, è ricca di magie, misteri e influenze sulle cose, gli animali e, soprattutto, sulle persone.
In molte regioni italiane si accendono falò in cima alle colline. Un tempo si facevano precipitare ruote infuocate dai pendii.



Un fuoco acceso la notte di San Giovanni
I riti della notte di San Giovanni sono antichissimi, e si ricollegano al solstizio. La gente dei campi, accendendo i fuochi, intendeva aiutare il sole che cominciava a scendere sull'orizzonte, affinché non li abbandonasse nel momento della maturazione dei raccolti, ma continuasse e elargire forza e energia ai campi.
In tempi successivi i fuochi sono stati interpretati come culti in onore del sole, finché con l'avvento del cristianesimo questi significati sono andati persi, rimanendo però l'usanza.



Sottobosco di felci

In molti luoghi i più legati alla tradizione,  per proteggersi, si infilano sotto gli abiti qualche erba di San Giovanni, dall’iperico alla lavanda, allo spicchio d’aglio da raccogliersi prima dell’alba.
Altri, per propiziare la buona sorte, sfoggiano rametti di verbena simbolo di pace e prosperità, o di ribes i cui frutti rossi sono chiamati anche bacche di San Giovanni.
Altri ancora usano la rugiada che si raccoglie all'alba su queste piante come unguento curativo di molte malattie.
A Ostuni si mangiano le "Lumache di San Giovanni" con tutte le corna, che indicano problemi e preoccupazioni.



Foglia di felce

Nella notte di San Giovanni le streghe, eccitate dalla calura estiva, si agitano nell'aria e avvelenano pozzi e fiumi. Per difendersene (secondo usanze pagane) occorre cogliere cogliere le erbe sacre a San Giovanni: l'iperico dai fiori gialli, da portare sul corpo quella notte; la verbena, simbolo di pace e prosperità, il ribes e l'artemisia



Iperico dai fiori gialli, pianta che allontana i malefici delle streghe nella notte di San Giovanni



La verbena, erba sacra a San Giovanni, è simbolo di pace e prosperità.



Il ribes è una essenza sacra a San Giovanni, infatti i frutti sono chiamati anche "bacche di san Giovanni"

Dobbiamo credere a queste tradizioni? Ciascuno faccia come crede. Per la verità, però, dobbiamo riconoscere che le cose ignote che ci circondano sono assai più numerose di quelle note.



Anche l'assenzio è considerato una pianta sacra a san Giovanni. E' nota anche con il nome di Artemisia, in quanto nell'antichità veniva riferita alla dea Artemide.






Folklore tradizionale della notte di San Giovanni, detta anche "notte delle streghe"
Trovi interessante questo sito?
Ogni pochi giorni vengono pubblicate novità, schede tecniche, esempi   di coltivazione, prodotti, notizie utili al tuo hobby. Se vuoi   essere informato GRATUITAMENTE  sulle novità di questo sito e degli   altri blog del network.
ISCRIVITI SUBITO. Potrai cancellarti quando vorrai.



Se stai visitandoci dal tuo telefonino o tablet, puoi scaricare la nostra app
per essere sempre collegato IN TEMPO REALE a tutte le novità.



   
Buon orto a tutti !!!
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamente e gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività, informazioni utili, trucchi e segreti dei vecchi ortolani esperti per ricavare il meglio dal tuo terreno o dal tuo balcone.

Tip

Tip

Tip
Torna ai contenuti | Torna al menu