Melanzane con pochi frutti? Ecco le cause e i rimedi - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Melanzane con pochi frutti? Ecco le cause e i rimedi

Antologia > Tutti gli argomenti > Melanzane
 
 
Melanzane con pochi frutti?  Ecco le cause e i rimedi
Le melanzane hanno prodotto una vegetazione abbondante e rigogliosa, ma pochissimi frutti. Perché? Eppure le condizioni generali di coltivazione erano buone. Tuttavia, al buon successo di un raccolto di melanzane contribuiscono molti fattori. Li esaminiamo in questo articolo.
Le cause che possono determinare l'insuccesso di una coltivazione di melanzane sono molteplici, e qui di seguito indico le più comuni.  Naturalmente, diano per scontato che la semina sia avvenuta nel periodo corretto e che le piante non abbiano sofferto intemperie, cone grandinate o gelate. La semina delle melanzane si fa da gennaio a febbraio in serra riscaldata, con trapianto da fine marzo in poi, oppure si può seminare direttamente all'aperto, secondo le zone, da fine marzo a tutto maggio.


Melanzana tonda bianca violetta
Scarsità di luce
Le melanzane vanno coltivate in pieno sole. Mezza giornata di sole diretto non basta: anche se a voi pare che ci sia molta luce, è necessario che questa sia diretta. Le piante collocate a mezzombra (per esempio, intorno ad un albero o in prossimità di un muro) crescono molto in altezza ma sono stentate e danno una produzione scarsissima. Inoltre, si ammalano molto facilmente e resistono meno alle aggressioni dei parassiti.


Melanzana lunga violetta
Uso ripetuto di semi ricavati in proprio
Molti usano ricavare i semi dalla melanzane prodotte nel proprio orto. Non importa s ela varietà è molto buona e se si scelgono, per il seme, i frutti migliori. Ogni anno successivo produce un decadimento della qualità, finché, dopo pochi anni, la produzione diventa minima e le piante tendono ad ammalarsi sempre più gravemente. Questo risultato negativo si evidenzia a dismisura se, oltre ad usare sempre semi autoprodotti, si ripete la coltivazione nella stessa parcella di terreno.



Fiore di melanzana. Per avere melanzane più grandi lasciatene al massimo 4 per ogni branca
Semi di provenienza incerta
Usate sempre semi certificati di provenienza sicura, cioè garantiti da aziende sementiere serie. Controllate sempre la data di scadenza sulle buste dei semi: la durata germinativa dei semi di melanzana è di 2-3 anni. Successivamente a questo tempo, i semi possono ancora germinare, ma perdono vigore.
Per lo stesso motivo diffidate di semi sfusi regalati o di semi provenienti da bustine già aperte, perché l'umidità potrebbe averli danneggiati.  


Melanzana africana N'drova Issia
Rispettate le distanze di impianto
Non trapiantate troppo fitte le melanzane. Le piantine vanno collocate su file distanti circa 60 cm, in modo da poterci passare in mezzo agevolmente. La distanza tra le piante sulla fila non deve essere inferiore ai 40 cm, consigliabili 50. Queste distanze rendono possibile il passaggio di un vento leggero che contrasta la formazione di muffe. La peronospora può aggredire facilmente le parte bassa dei fusti delle piante. Un rimedio antico contro la peronospora suggeriva di avvolgere attorno alla parte bassa del fusto due o tre giri di filo elettrico di rame, ovviamente spellato.


Melanzana N'goyo
Riducete le concimazioni azotate
Le concimazioni a base di azoto sono utili nelle prime fasi di sviluppo della pianta. Quando questa raggiunge l'altezza di 20 cm e comunque quando comincia a sviluppare boccioli di fiori la concimazione deve essere prevalentemente a base di fosforo e potassio, che sovrintendono alla grossezza e al sapore dei frutti. Viceversa l'azoto causa lo sviluppo di fogliame abbondante, a danno della produzione di frutti.
Un ottimo concime da spargere sul terreno sotto le piante, durante la crescita, è la cenere di legna. Infatti, questa contiene in larghissima misura fosforo e potassio, e non contiene affatto azoto.

Potatura errata
Molti usano potere le melanzane così come fanno con i pomodori, cioè eliminando i getti laterali che si sviluppano lungo il fusto. Niente di più sbagliato. Infatti, le maggior parte dei frutti si sviluppa proprio su questi getti. Piuttosto sarà utile, quando la pianta suera i 100-120 cm di altezza, tagliare la cima favorendo così lo sviluppo dei getti sottostanti. Peraltro le melanzane che nascono al di sopra di questa altezza, restano comunque piccole e nella maggior parte dei casi invecchiano senza giungere a maturazione.


Melanzana bianca a uovo

Aumentare le produzione complessiva
In linea di massima il ciclo produttivo della melanzana dura, dal momento in cui inizia a produrre, fino al momento in cui le temperature scendono sotto i 15-20 gradi di media, cioè settembre-ottobre nelle zone meno temperate e fino a dicembre nelle zone calde.  La finestra  produttiva utile, dunque, può andare da fine aprile a ottobre. E' anche vero che la melanzana richiede più di 60 giorni dalla semina per iniziare a produrre. Dunque, non conviene seminare all'aperto in aprile: piuttosto seminate al caldo in febbraio e poi, in aprile, trapiantate all'aperto, oppure acquistate in aprile piantine già pronte al trapianto.


L'irrigazione squilibrata o insufficiente provoca l'invecchiamento precose delle melanzane





Simpatie e antipatie della zona
A volte, nello stesso orto, una varietà può riuscire molto meglio di un'altra, sie per il microclima dell'abiente sia per la composizione chimica del terreno. Il consiglio è quello di provare più di una varietà, verificando quale riesce meglio. Successivamente continuate a coltivare la migliore, ma non usate il seme prodotto da voi per più di due anni: dopo questo periodo comprate seme nuovo o piantine nuove. Inoltre, cambiate ogni anno l'aiuola e non coltivare più nello stesso posto per almeno tre anni.

Usare piantine innestate
Una soluzione che dovrebbe garantire un buon livello di produzione (ferma restando l'esposizione in pieno sole) consiste nell'usare piantine di melanzana innestate, che si trovano sempre più facilmente nei garden center. L'inconveniente è che sono ancora troppo costose perché la diffusione è ancora scarsa.


E-BOOK-GOLD COLLECTION



Offerta   a tempo limitato. Approfitta oggi
Tutte le   novità le trovi sul sito dell'editore
I libri e gli E-book di Coltivare l'orto  
   
Trovi interessante questo sito?
Ogni pochi giorni vengono pubblicate novità, schede tecniche, esempi   di coltivazione, prodotti, notizie utili al tuo hobby. Se vuoi   essere informato GRATUITAMENTE  sulle novità di questo sito e degli   altri blog del network.
ISCRIVITI SUBITO. Potrai cancellarti quando vorrai.



Se stai visitandoci dal tuo telefonino o tablet, puoi scaricare la nostra app
per essere sempre collegato IN TEMPO REALE a tutte le novità.



   
Buon orto a tutti !!!
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
Riceverai periodicamente e gratuitamente informazioni su tutte le nostre attività, informazioni utili, trucchi e segreti dei vecchi ortolani esperti per ricavare il meglio dal tuo terreno o dal tuo balcone.

Tip

Tip

Tip
Torna ai contenuti | Torna al menu