Coltivare la barbabietola nell’orto - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Coltivare la barbabietola nell’orto

Antologia > Tutti gli argomenti > Barbabietole
 
Coltivare la barbabietola nell’orto

La barbabietola è una pianta erbacea biennale, che si coltiva come annuale per consumare la radice ingrossata che si forma sottoterra nel corso del suo primo anno di vita. Nel secondo anno si formerebbero i semi, dunque solo in questo  caso la pianta andrebbe coltivata come biennale.
La semina all'aperto della barbabietola  si può fare da gennaio a luglio,  a seconda delle varietà e del periodo in cui si desidera effettuare la raccolta. E' evidente che con semine scaglionate nel tempo (semina scalare) si poossono  avere barbabietole da aprile a ottobre-novembre


Piantine di barbabietola pronte al trapianto. Se volete passare direttamente alla coltivazione superando la semina, potete acquistare piantine già pronte in tutti i garden center più forniti, nei periodi localmente più indicati alla coltivazione.
La barbabietola non teme eccessivamente il freddo. Per la germinazione dei semi  ha bisogno di una temperatura di 25-30 gradi, ma poi nella crescita preferisce temperature più basse, circa 15-20 gradi.  
Se  volete iniziare la coltivazione quando la temperatura è ancora bassa fate la semina in casa, tenendo le piantine in un luogo molto luminoso. Viceversa, se nella vostra zona l'estate è molto calda, rinunciate a coltivare la barbabietola nei mesi estivi perché facilmente "andrebbe a fiore" prima dell'ingrossamento della radice.
Piante che vanno a fiore
Si dice di quelle piante che avrebbero uno sviluppo biennale, cioè dovrebbero produrre la parte commestibile il primo anno e fiorire (dare i semi) il secondo anno. Spesso, se le condizioni sono sfavorevoli (semina troppo anticipata o troppo  tardiva, temperatura diversa da quella indicata, incostanza nelle cure colturali) le piante vanno fioriscono, cioè vanno  a seme, direttamente il primo anno,senza aver dato nessun prodotto consumabile. Può accadere con insalate, spinaci, bieta, rape e simili.


Barbabietola classica
Varietà di barbabietola
Esistono molte varietà (cultivar) di barbabietola, che possiamo distinguere in base al loro aspetto o alle lloro caratteristiche vegetative. Le principali diversità sono:
. Un ciclo vegetativo  precoce o tardivo
. La forma della radice (piatta, sferica, globosa, cilindrica)
- Il colore della polpa e della buccia (da bianco-rosata a bruno-sanguigna)
-La colorazione delle foglie: da verde a rossastra.


Barbabietola Cylindra (Sementi Ingegnoli)

SCOPRI L’HOBBY PIU’ ANTICO E PIU’ ATTUALE
Scopri e diventa un coltivatore d’orto esperto. Basta un fazzoletto di terra, ma anche solo QUALCHE VASO sul tuo balcone.
METTI A FRUTTO I TUOI SPAZI INUTILIZZATI.
Porta sulla tua tavola cibi naturali ottenuti al solo prezzo del tuo amore e della tua passione.
Ristabilisci un contatto positivo con la natura, l’alternarsi delle stagioni, il sole, la luna, la pioggia  e  il cielo che ti circonda.
Entra nel mistero del seme che dà orIgine alla vita nel grembo della terra.
I libri di “Edizioni Coltivare l’orto”  che ti proponiamo (anche in formato ebook) sono stati scritti da un vero hobbysta dell’orto con una esperienza di più di mezzo secolo, che lo ha portato a essere maestro sia delle tradizioni più antiche  che delle tecniche più  moderne.
Su questi libri troverai informazioni che vanno ben oltre le comuni nozioni circolanti sul web, spesso ripetute e inesatte.
Per saperne di più

La semina
I semi della barbabietola hanno la caratteristica di essere riuniti in "glomeruli" di 4.5 semi: in un grammo ci sono 40.50 glomeruli.
Non è conveniente dividere i glomeruli, Si fa la semina interrandoli interi, e poi all'emersione si eliminano tutte le piantine lasciando solo le migliori.
E' possibile seminare direttamente in campo, ma ciò è causa di molti inconvenienti anche perché i semi appena interrati vengono predati  facilmente da uccelli o roditori. E' conveniente preparare le piantine nei classici contenitori alveolari in plastica o polistirolo, in modo da poter trasferire nell'orto solo le piantine più belle e ottenere file uniformi.


Piantine di barbabietola allevate in contenitori alveolari  plastici. E' possibile riciclare i contenitori derivanti  da acquisti precedenti  presso i vivai. Ricordate però, prima del riuso, di lavarli  con acqua e  ipoclorito di sodio per eliminare eventuali infezioni, germi e batteri presenti nel vecchio terriccio.
I semi si interrano alla profondità di un centimetro circa. Usate semi  di qualità, e all'acquisto verificate sulla bustina la data di scadenza. I semi di barbabietola hanno una vita germinativa di  3-4 anni dopodiché perdono gradualmente il loro vigore.
Le piantine emergono normalmente dopo 8-12 giorni. Se la nascita ritarda è possibile  che  la semina sia stata troppo profonda, o che la temperatura sia ancora troppo bassa (specialmente quella notturna), o che il seme abbia perso vigorìa.  


Raccolta di barbabietole
Preparazione del terreno e concimazione
Scegliete una esposizione soleggiata. La barbabietola cresce meglio nei terreni a pH neutro (6-7.5)
La barbabietola, come tutti gli ortaggi a bulbo, radice o tubero, vuole un terreno soffice e e profondo,  privo  di pietrisco o altri elementi che possano  ostacolare la crescita regolare, altrimenti avrete radici irregolari, deformate o danneggiate.
Non concimate con letame, specialmente se fresco, ma fate la semina in un terreno che avevate concimato l'anno precedente. In questo modo eviterete eventuali cattivi sapori e marciumi nelle radici.
In fase di  vangatura potete interrare del compost maturo o del concime granulare generico da orto. La barbabietola si avvantaggia della presenza di calcio  nel terreno.
Nella crescita può essere utile una concimazione con nitrato di sodio, dopo il trapianto e quando  la radice comincia a ingrossare.  


Barbabietola tonda di Chioggia (Sementi Ingegnoli)
In fase di  vangatura potete interrare del compost maturo o del concime granulare generico da orto. La barbabietola si avvantaggia della presenza di calcio  nel terreno.
Nella crescita può essere utile una concimazione con nitrato di sodio, dopo il trapianto e quando  la radice comincia a ingrossare.  


Eliminate frequentemente le erbe infestanti che crescono attorno alle barbabietole
Distanze di semina o trapianto
Disponete la barbabietola su file distanti tra loro 40 cm, mettendo le piantine a a 10-15 cm una dall'altra sulle file.
Assicuratevi di potervi muovere agevolmente tra le file, specialmente per operare con efficienza l'eliminazione delle erbe infestanti. Queta operazione andrà fatta spesso  per evitare che le barbabietoole ne vengano sommerse.


Barbabietola Palla rossa
Fate in modo che le file siano rialzate rispetto al terreno circostante, in modo che le piogge non vadano  a creare pozzanghere che farebbero morire le piante per mancanza di ossigeno.
L'irrigazione andrebbe fatta facendo scorrere l'acqua tra le file, nelle canalette che si formano naturalmente anche per il calpestìo dell'ortolano.  


Barbabietola Paonazza d'Egitto


Raccolta
Dalla semina occorrono 50-80 giorni pper ottenere il prodotto e poter procedere  alla raccolta. Questa si fa quando la radice raggiunge i 6.8 centimetri di diametro, a seconda della varietà.  


Barbabietola Detroit (Geo)
Consigli per la rotazione
E' sconsigliato coltivare la barbabietola nello stesso terreno iin cui la coltivazione precedente ha ospitato piante della stessa famiglia delle chenopodiacee (bieta, spinacio) o il mais.
Consociazione
La barbabietola trae vantaggio se vicino, o  inframmezzate, vengono coltivate piantine di cipolla, lattuga o ravanelloo


Barbabietola Rote Krugel
Buon orto a tutti !!!
SCARICA I NOSTRI EBOOK GRATUITI

Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Torna ai contenuti | Torna al menu