Le insalatine da taglio. Lattuga e Indivia riccia - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le insalatine da taglio. Lattuga e Indivia riccia

Antologia > Tutti gli argomenti > Insalate
 
Le insalatine da taglio. Lattuga e Indivia riccia

La semina dell’insalatina da taglio   può avvenire quasi per tutto l’anno all’aperto. Per una maggiore   praticità e pulizia è consigliabile seminarla in vasi capienti, anche se   non profondi. La crescita è veloce e il raccolto può essere ripetuto più   volte
Le insalate da taglio sono  un ortaggio tenero, e appetitoso e di sapore delicato. Si consumano crude, da sole o assieme ad altre verdure. Più o meno tutte le varietà di insalate (lattuga, cicoria, indivia) offrono delle varietà adatte a essere coltivate con questa tecnica. Per rafforzare il sapore  e l’aspetto del prodotto finale esistono in commercio mescolanze di semi, detti comunemente misticanze.


Lattuga da taglio pronta ad essere raccolta
La semina si può eseguire in tutte le stagioni; per avere il prodotto tutto l’anno si può seminare ogni due mesi circa. Attenzione però, i mesi più freddi, secondo le vostre zone climatiche, la coltivazione va fatta in ambiente protetto o addirittura in serra riscaldata.


Il seme va distribuito su un terreno bel livellato, a spaglio

SCOPRI L’HOBBY PIU’ ANTICO E PIU’ ATTUALE
Scopri e diventa un coltivatore d’orto esperto. Basta un fazzoletto di terra, ma anche solo QUALCHE VASO sul tuo balcone.
METTI A FRUTTO I TUOI SPAZI INUTILIZZATI.
Porta sulla tua tavola cibi naturali ottenuti al solo prezzo del tuo amore e della tua passione.
Ristabilisci un contatto positivo con la natura, l’alternarsi delle stagioni, il sole, la luna, la pioggia  e  il cielo che ti circonda.
Entra nel mistero del seme che dà orIgine alla vita nel grembo della terra.
I libri di “Edizioni Coltivare l’orto”  che ti proponiamo (anche in formato ebook) sono stati scritti da un vero hobbysta dell’orto con una esperienza di più di mezzo secolo, che lo ha portato a essere maestro sia delle tradizioni più antiche  che delle tecniche più  moderne.
Su questi libri troverai informazioni che vanno ben oltre le comuni nozioni circolanti sul web, spesso ripetute e inesatte.
Per saperne di più

Il seme si distribuisce con la modalità detta “a spaglio”, cioè in modo uniforme su tutto il terreno di coltivazione. La distribuzione deve essere molto fitta, impiegando almeno 3 grammi e fino a 5 grammi di seme per ogni metro quadrato (Sulle bustine dei semi trovate il peso dei semi contenuti). Occorre dire che i semi sono minuscoli e leggeri, tanto che se ne possono contare 900 in un grammo. Naturalmente non tutti i semi germinano, ma la quantità distribuita è sufficiente a garantire un buon tappeto verde al momento del raccolto. Il terreno non ha bisogno di concimazione preventiva, ma eventualmente potete miscelare un bicchiere di stallatico pellettato in un vaso rettangolare di 35x90 cm o due bicchieri per metro quadrato.


Dopo aver sparso il seme, questo va ricoperto con un keggerissimo strato di terriccio fine. Per distribuirlo uniformemente aiutatevi con un setaccio a maglia larga
La semina si esegue livellando perfettamente il terreno, che va inumidito con uno spruzzatore. Su questa base si sparge il seme curando che la distribuzione sia omogenea. Molti usano mescolarlo con della sabbia fine asciutta per distribuirlo meglio. Dopo la semina si ricopre il terreno con un velo di terreno fine, che va battuto con una mattonella in modo da  farlo ben aderire ai semi; dopo ciò, si innaffia nuovamente


Dopo aver coperto con terriccio fine battete la superficie con una piastrella in modo che risulti perfettamente livellata e ben aderente ai semi
Tenete il terreno di semina coperto con un telo trasparente in modo che la luce possa penetrare, ma il vento o la pioggia no. Tenete sempre umido il terreno di semina no. Le piantine emergono dopo pochissimi giorni, da tre a sette. Dopo un giorno o due potete eliminare il telo di protezione.


Inumidite abbondantemente la superficie con uno spruzzatore fine; usando altri metodi rischiate di smuovere i semi sotto la terra ammucchiandoli tutti in poche zone della superficie
Il primo taglio si può effettuare dopo 25-30 giorni dall’emersione. Tagliate l’insalata con una forbice ben affilata a 4-5 millimetri dal suolo. Dopo il taglio l’insalata rivegeta rapidamente ed è presto pronta per un nuovo taglio. Si possono fare fino a cinque tagli successivi. Dopo ogni taglio innaffiate abbondantemente ed eventualmente spargete del concime azotato liquido diluito il doppio di quanto consigliato sulla confezione.


Coprite il terreno di semina con un telo trasparente, che verrà eliminato solo a germinazione avvenuta
La coltivazione in terra può essere fatta su un’aiuola lunga a piacere ma larga al massimo un metro, in modo che si possa raggiungere facilmente da una parte o dall’altra il centro dell’aiuola stessa. Potete seminare anche su file distanti 20 cm; in tal caso il seme va distribuito con continuità nella fila, interrandolo pochissimo.


La germinazione inizia dopo 3-5 giorni dalla semina
E’ importante controllare la diffusione delle erbe spontanee, che tendono a crescere più dell’insalata soffocandola. Esaminate frequentemente l’aiuola eliminando tutti i ciuffi. L’operazione riesce molto meglio se l’insalata è coltivata in vaso.


Il seme di una varietà di misticanza, e la sua distribusione sul terreno
La semina delle insalate in genere si fa in luna calante, per rallentare la crescita e ritardare la fioritura, che mette fine al periodo produttivo: un cespo di insalata fiorito non è più commestibile. Viceversa,  nel caso delle insalate da taglio la fioritura non interessa minimamente in quanto vengono sempre raccolte prima, quindi è consigliabile la semina in luna crescente per favorire una maggiore spinta iniziale che acceleri la crescita.


Indivia da taglio riccia romana in crescita. E'impoirtante eliminare con cura tutte le erbe infestanti prima che crescano fino a soffocare l'insalata

La lattuga da taglio non è naturalmente votata a crescere poco, infatti se fosse seminata più larga potrebbe tranquillamente diventare una lattuga a cespo. L’espediente per farla rimanere piccola e tenera è la semina fitta, chge le impedisce uno sviluppo eccessivo.


Una confezione di semi di indivia riccia romana


Una confezione di semi di Lattuga da taglio

Buon orto a tutti !!!
SCARICA I NOSTRI EBOOK GRATUITI

Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Torna ai contenuti | Torna al menu