Orto dei semplici. I lavori di luglio e agosto - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Orto dei semplici. I lavori di luglio e agosto

Antologia > Tutti gli argomenti > Aromatiche
 
Orto dei semplici. I lavori sulle aromatiche in luglio e agosto
L'estate è il tempo della calura e del meritato riposo, magari rifugiandosi all'ombra della pergola nell'orto.
Mentre godiamo  della brezza che scivola tra le fogle dei nostri rampicanti, l'orto continua a lavorare freneticamente. In particolare le aromatiche si arricchiscono di aromi e profumi e si preparano all'epoca del raccolto. Se lo vogliamo abbondante, dobbiamo fare in modo che non soffrano di una eccessiva siccità
Quando soffrono di siccità le piante tendono a ridurre la  vegetazione e ad anticipare la produzione del seme, che però sarà impoverito di molte qualiità essenziali. Non bisogna dimenticare  le aromatiche più umili  collocate negli angolini più nascosti, perché anch'esse hanno bisogno di acqua come quelle posizionate in bella vista, L'irrigazione deve essere costante e deve essere fatta al piede della pianta, e non spruzzando acqua sulle foglie, La spruzzatura, specialmente nelle ore pià calde, causa stress e bruciature alle foglie.


Erba cipollina
Potete utilizzate le foglie tagliandole alla base, e la pianta ne emetterà rapidamente di nuove. Se volete raccogliere i semi,   raccogliete gli stelli con fiori maturi, appendeteli  in mazzetti qualche giorno oppure conservateli all'aperto su un foglio di giornale. Quando saranno asciutti poteete sbattere i mazzetti e ne scivoleranno  fuori i semi.
Ricordate sempre il detto secondo cui "una zappatura vale mezza innaffiatura". Liberate le aromatiche (ma tutto l'orto) dalle erbe infestanti sarchiando intorno alle piante ma senza avvicinarvi troppo, per non danneggiare le radici. Se le aromatiche sono nei vasi ispezionateli spesso eliminando tutte le infestanti  con le mani, protette da guanti di gomma.


Cedrina (Lippia Citrodora o Erba Luigia)
Potete raccogliere le foglie, da essiccare e conservare per la preparazione di tisane rilassanti e digestive all'aroma di limone.
Un mazzetto di foglie fresche tiene lontane le zanzare.
Achillea
In questo periodo potete raccogliere le infiorescenze dell'achillea, che vanno subito essiccate. Se notate un deperimento nella pianta intervenite con uno sfalcio alla base. La pianta emettetrà rapidamente nuovi getti vigorosi, consentendovi una nuova raccolta.


Rafano (detto anche Cren)
Verso la fine di agosto, quando  le foglie cominciano a ingiallire, si può cominciare a raccogliere le radici.
Borragine
In questo periodo  la borragine ha completato il suo ciclo e non produce più gli splendidi fiori. Potete approfittarne per raccogliere i  semi, che può essere fatta quando il colore dei frutti diventa giallo-bruno. Raccogliete  i getti con i frutti e metteteli ad asciugare finché, sbattendoli, ne scivoleranno fuori tutti i semi.


Radici di Rafano. Hanno sapore piccante e ppossono essere usate per preparare salse, ma possono anche essere grattugiate crude sulle uova e sulle carni bollite.
Calendula
Se l'avevate seminata l'anno scorso  il loro ciclo è già  terminato, mentre invece se l'avete seminata in primavera comincia ora ad emettere i fiori. Sulle piante dell'anno potete raccogliere i fiori, mentre su quelle dell'anno  precedente potete raccogliere i semi


Finocchio selvatico.
In luglio la pianta è già tutta fiorita. Potete raccogliere  i semi di finocchio selvatico quando il colore del fiore diventa giallo-marrone.
Salvia
Eliminate le infiorescenze in modo da favorire lo sviluppo di  nuovi germogli


Camomilla romana
Potete raccogliere i capolini recidendoli un centimetro sotto il calice. Metteteli subito a essiccare in un luogo ombreggiato  e ventilato.  
Buon orto a tutti !!!
SCARICA I NOSTRI EBOOK GRATUITI

Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Torna ai contenuti | Torna al menu