La produzione dell’orto è insoddisfacente senza motivi apparenti? Forse è colpa dei nematodi - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

La produzione dell’orto è insoddisfacente senza motivi apparenti? Forse è colpa dei nematodi

Antologia > Tutti gli argomenti > Patologie, malattie, virus
 
La produzione dell’orto è insoddisfacente senza motivi apparenti? Forse è colpa dei nematodi

La produzione dell'orto è insoddisfacente, senza motivi apparenti? Forse il problema sta nel terreno, che può essere infestato dai nematodi o altri parassiti. Questi, infatti, attaccando le radici indeboliscono notevolmente le piante. Il sovescio attuato con piante nematocide è una pratica assolutamente biologica per sterilizzare il terreno ed eliminare nematodi, funghi, e molti altri parassiti che vivono nel terreno.
La scarsa resa delle piante da frutto molto spesso è determinata dalla presenza nel suolo di parassiti quasi invisibili, detti anguillole o nematodi. Questi parassitano le radici e contrastano l'afflusso delle sostanze nutritive alla parte aerea della pianta.
I nematodi si sviluppano particolarmente nei terreni coltivati a orto da lungo tempo, perché trovano un ambiente nutritivo ottimo per le loro esigenze. La mancanza di rotazione, cioè l'abitudine di coltivare sempre nello stesso posto gli stessi ortaggi, così come l'abitudine di coltivare sempre le medesime varietà,  magari con seme autoprodotto, amplificano la diffusione di parassiti e malattie. Se dopo qualche anno notate che la produzione e il vigore delle piante non sono più gli stessi, ponetevi seriamente il problema di sterilizzare il terreno.





Ogni pianta è preferita da determinati parassiti (per esempio, la dorifera attacca patate e melanzane). La maggior parte di questi parassiti, compiuta la distruzione, si rifugia nel terreno o vi depone le uova, in attesa di rispuntare la stagione successiva in forma di larva. Se questa trova già pronte le sue piante preferite, mangia e si moltiplica senza fatica, rendendo il terreno una vera e propria trappola mortale per l'ortolano che si ostina a collocarle proprio lì. Da qui la necessità della rotazione, che non elimina i parassiti ma consente alle piante di iniziare almeno la crescita in un terreno pulito, nel quale saranno presenti parassiti, ma non direttamente quelli più micidiali per la sua specie.
Ogni ortaggio, o meglio ogni famiglia di ortaggi, dovrebbe essere coltivata nello stesso posto solo ogni 3-4 anni.
Le famiglie più comuni sono le crucifere (cavoli in genere) le solanacee (pomodori, peperoni, melanzane e patate) le liliacee (aglio e cipolla) le composite (insalate), le leguminose (fagioli, fave, piselli) le cucurbitacee (zucchini cetrioli meloni angurie)


Tra gli insetti terricoli dannosi il grillotalpa si colloca ai primi posti

Ciò detto, dobbiamo considerare che la rotazione aiuta ma non risolve definitivamente, ed a lungo andare il terreno dell'orto, proprio perché è ricco di humus (la terra dove si coltiva un orto da tempo si dice "terra grassa") finisce per essere infestato da piccole creature che vi si installano, a danno delle piante.
Esiste una pratica detta "sovescio", che consiste nella coltivazione, sui terreni infestati dai nematodi, di piante con potere nematocida, cioè piante in grado di eliminare la maggior parte dei nematodi, cioè i parassiti maggiormente responsabili della debolezza delle piante.
Questa pratica sostituisce egregiamente l'altra, che è stata vietata, delle fumigazioni con bromuro di metile.


Sovescio  sotto serra

Un buon sovescio può essere eseguito praticamente tutto l'anno, ma il periodo che va da settembre-ottobre  alla primavera, quando le coltivazioni principali sono terminate e il terreno resta in attesa delle prossime coltivazioni primaverili, è sicuramente il periodo migliore.
La coltivazione che si sviluppa dal sovescio può essere tagliata e interrata con la lavorazione profonda: in questo modo il suolo risulta arricchito di sostanza organica e di azoto, a favore della coltivazione primaverile.


La comune rucola (Eruca sativa) può essere usata per un sovescio nematocida
Tra le piante utilizzabili nel sovescio, in funzione nematocida, una delle più raccomandabili è il rafano. L'effetto di contrasto ai nematodi del rafano è naturale, ma molto efficace. In effetti le sue radici si comportano come trappole: emettono degli essudati che le fanno sembrare appetibili ai nematodi, che vi si installano. Però, una volta penetrati nelle radici del rafano, non riescono più a completare il loro ciclo sessuale e la riproduzione viene bloccata.


Il Rapisrum rugosum (miagro peloso) può essere usato in funzione di sovescio nematocida.
Il sovescio a base di rafano ha anche altri benefici sul terreno: apporta sostanza organica e migliora la struttura del suolo, grazie all'imponente apparato radicale di questa specie, che ha anche un effetto competitivo contro le altre piante infestanti. Il ciclo vegetativo è molto rapido, per cui si può portare a termine la coltivazione, dalla semina al taglio e interramento, nel giro di 60-70 giorni.


Anche la senape bruna (Brassica juncea) può essere usata per il sovescio nematocida.
Come si fa un sovescio a base di rafano
- Preparate il terreno con una leggera lavorazione superficiale.
- Seminate a spaglio (spargendo il seme uniformemente) alla profondità di 1-2 cm. Potete spargere il seme e poi ricoprirlo con un leggero strato di terreno, oppure lavorando il terreno con il rastrello.
- La semina è possibile tutto l'anno.
- Non occorrono concimazioni.
- Innaffiate solo nei periodi caldi, o se la semina avviene sotto serra.
- Quando le piante sono completamente fiorite (40 giorni in serra, 50 in pieno campo) falciate e interrate la massa verde.
Quanto seme occorre
250-300  grammi per 100 metri quadrati. Potete trovare sementi di rafano in confezioni adeguate presso i consorzi agrari.
La varietà più diffusa è il Raphanum sativum.
Oltre al rafano altre piante sono considerate "biocide", cioè valide per il sovescio anti-nematodi. Solo la Brassica Iuncea, la Eruca sativa (la normale rucola) e il Rapistrum rugosum

Dove trovate i semi
Oltre che nei consorzi agrari li poitete trovare anche in rete. Solo a titolo di esempio sul sito di Arcoiris:
http://www.arcoiris.it/catalogo/rafano-1kg-sementi-da-agricoltura-biologica-eo-biodinamica
Oppure:
http://www.semfor.it/prodotti/sementi-per-sovescio/nematocide-biocide

Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu