Quanti modi per conservare i prodotti dell’orto! - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quanti modi per conservare i prodotti dell’orto!

Antologia > Tutti gli argomenti > Conservare iprodotti dell'orto
 
Quanti modi per conservare  i prodotti dell’orto!


Estate: è tempo di raccogliere. L'orto si riempie di colori, profumi e sapori per ricompensare le nostre fatiche. Se siamo stati diligenti e  premurosi con le nostre piante, queste ci daranno in cambio grandi quantità di prodotti, probabilmente superiori alle nostre capacità di consumo. In parte li potremo condividere con i nostri amici, ma sarà opportuno  conservarne un'altra parte per i periodi  in cui l'orto sarà meno  prodigo.
Da maggio a settembre i raccolti diventano generosi oltre le proprie possibilità di consumo, ed è ovvio che, quando le nostre quattro piante producono un chilo  di zucchine al giorno, non possiamo imporre alla famiglia una dieta quotidiana a base di zucchine; senza considerare tutti gli altri ortaggi che maturano contemporaneamente. Dunue, è tempo di organizzarsi ed attrezzarsi per non disperdere tutto questo ben di Dio ma di fare in modo che resrti disponibile anche nei periodi in cui l'orto sarà spoglio.


Molte verdure possono essere conservate  congelandole. Mondatele da ogni  parte non sana, lavatele e fatele asciugare accuratamente prima di chiuderle in sacchetti di plastica adatti alla conservazione del cibo.


Consigli sul congelamento
E' consigliabile congelare le verdure come già pronte ad essere cucinate. Infatti, al momento dell'uso conviene metterle al fuoco ancora congelate.
E' consigliabile non congelare le verdure più dure crude, ma di farle sbollentare preventivamente qualche minuto
Per evitare che le vedure, congelandosi, formino un unico blocco, fatele asciugare al meglio possibile e mettetele in congelatore allargate su un vassoio..  Solo quando saranno congelate trasferitele nei sacchetti


I fagiolini vanno privati delle estremità, lavati, sbollentati per due-tre  minuti e poi congelati.
Essiccazione
Molte verdure, e molti tipi di frutta, possono essere essiccati. Esistono essiccatori elettrici che consentono di ottenere in un paio di giorni i risultati che si otterrebbero con settimane di esposizione aal sole degli ortaggi da essiccare. La soluzione degli essiccatori garantisce una maggiore uniformità e igiene del processo, Altrimenti, munitevi di grande pazienza e di telai (plastici o metallici) su cui appoggiare le verdure o i frutti da essiccare, ridotti in pezzi sottili. Dovrete girare tuutto almeno due volte al giorno, fino a essiccazione completa.


Pomodori oblunghi tagliati a metà per l'essiccazione.







Pomodori in fase di essiccazione


SCOPRI L’HOBBY PIU’ ANTICO E PIU’ ATTUALE
Scopri e diventa un coltivatore d’orto esperto. Basta un fazzoletto di terra, ma anche solo QUALCHE VASO sul tuo balcone.
METTI A FRUTTO I TUOI SPAZI INUTILIZZATI.
Porta sulla tua tavola cibi naturali ottenuti al solo prezzo del tuo amore e della tua passione.
Ristabilisci un contatto positivo con la natura, l’alternarsi delle stagioni, il sole, la luna, la pioggia  e  il cielo che ti circonda.
Entra nel mistero del seme che dà orIgine alla vita nel grembo della terra.
I libri di “Edizioni Coltivare l’orto”  che ti proponiamo (anche in formato ebook) sono stati scritti da un vero hobbysta dell’orto con una esperienza di più di mezzo secolo, che lo ha portato a essere maestro sia delle tradizioni più antiche  che delle tecniche più  moderne.
Su questi libri troverai informazioni che vanno ben oltre le comuni nozioni circolanti sul web, spesso ripetute e inesatte.
Per saperne di più

Sott'olio o sottaceto
La conservazione sott'olio o sottaceto è tra le più diffuse per quanto riguarda gli ortaggi, che possono essere conservati praticamente tutti in questo modo, a seconda dei gusti. Si può effettuare facilmente anche nella propria cucina, ma ci  sono due aspetti che noonn vanno trascurati:
La bollitura preventiva in aceto. Serve a eliminare la maggior parte dei rischi di contaminazione da agenti nocivi.
La sterilizzazione dei vasetti  appena riempiti. In ogni caso per evitare lo sviluppo di muffe e marciumi  è indispensabile sterilizzare i vasetti utilizzati per contenere il prodotto, in due fasi. Anzitutto far bollire in acqua per circa 20  minuti sia i vasetti vuoti che i coperchi.  Dopo il riempimento, far bollir ancorai vasetti ben chiusi per un tempo che varia dai 20 ai 40  minuti, a seconda delle dimensioni e del prodotto.
Per quanti riguarda la frutta, non si conserva né sottolio né sottaceto  perché il sapore ne verrebbe corrotto: molto diffusa, invece, p la conservazione sotto spirito.  


Verdure spezzettate e destinate alla conservazione sottaceto.





Carciofini sottolio


Il basilico è di difficile conservazione, e in ogni caso  perde l'aspetto della pianta fresca (spesso anche l'aroma). Alcuni lo onservano sottosale come nella figura
Un altro metodo che va diffondendosi sempre più per la conservazione delle verdure è mutuato  dalla conservazione dei frutti, e consiste nella preparazione di marmellate.



CONFETTURA O MARMELLATA?
Tutti confondiamo marmellata e confettura, perché nel linguaggio comune le due parole sono considerate sinonimi. In realtà si tratta di  prodotti distinti, seppure simili.
La Comunità Europea ha stabilìto che la marmellata è un prodotto fatto di zucchero e agrumi (arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto, pompelmo) in cui la percentuale di frutta sia almeno il 20%. Le parti di agrumi utilizzabili sono polpa, purea, succo, estratti acquosi e scorza.
La confettura, invece, è il prodotto contenente zucchero e polpa (o purea) di tutti gli altri tipi di frutta. La percentuale di frutta non può essere in generale inferiore al 35% (con differenze anche notevoli a seconda del frutto usato), ma sale al 45% nel caso della “confettura extra“.
C’è una terza categoria, la cui individuazione deriva dalla consuetudine e non dalle normative: la composta. In questo caso si ritiene che la percentuale di frutta non debba essere inferiore ai due terzi. Nella composta lo zucchero aggiunto è sensibilmente minore, così come il conseguente apporto calorico.




SCARICA I NOSTRI EBOOK GRATUITI

Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu