Quando il terreno contrasta i concimi, le piante muoiono di fame - Coltivare l'orto

Coltivare l'orto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quando il terreno contrasta i concimi, le piante muoiono di fame

Antologia > Tutti gli argomenti > Terreno. Proprietà, lavorazione
 
Quando il terreno contrasta i concimi, le piante muoiono di fame

Il pH del terreno rappresenta la sua reazione chimica, ossia la sua acidità o alcalinità espressa in valori compresi tra zero e 14. Da zero a 6,9 sono valori acidi; 7 è il punto della neutralità, da 7,1 a 14 sii tratta di valori alcalini. Le piante hanno preferenze e sono influenzate dal pH. Occorre dire che valori del pH non neutri   influenzano la solubilità degli elementi nutritivi.
Il pH del terreno influenza la capacità degli elementi nutritivi principali (azoto, fosforo e potassio)  di essere solubili, cioè di rendersi disponibili alle radici delle piante. Può accadere dunque che, se il terreno è troppo acido o troppo alcalino, nonostante contenga dosi abbondanti di potassio o fosforo, le radici non riescono ad assimilarlo.
Una soluzione, quando il terreno è decisamente sfavorevole, può essere quella di ricorrere alla concimazione fogliare, che ovviamente non passa attraverso le radici.


Il concime granulare svolge un compito eccezionale se non trova ostacoli nel terreno
IL FOSFORO
Il fosforo diventa insolubile nei  terreni con pH superiore a 7,5 a causa della formazione di fosfato tricalcico, in quelli con pH inferiore a 5 per la formazione di fosfato di alluminio.


Strumento per la misurazione del pH del terreno
FERRO, MANGANESE E ZINCO
Cominciano a diventare insolubili nei terreni con pH alcalino, fin dai valori appena superiori alla neutralità. Nei terreni a alcalinità elevata la clorosi è una delle malattie che si presentano più frequentemente,  con l'ingiallimento delle foglie   

MANGANESE
Quando il pH è molto acido, una forte concentrazione di manganese può essere tossica per le piante

RAME
Il rame diventa insolubile nei terreni con pH superiore a 7,5


Più il terreno è acido, maggiormente le piante non riescono ad assimilare i minerali nutrienti

BORO
Il boro ha una solubilità ottima nei terreni con pH compreso tra 5 e 7, e in quelli con pH superiore a 8,5
MOLIBDENO
Aumenta la sua solubilità con l'aumento del pH.

POTASSIO
Il potassio è uno degli elementi

ALLUMINIO
L'alluminio  è più solubile nei terreni maggiormente acidi.
EFFETTI BENEFICI DEL PH NEUTRO
Inoltre, il pH compreso tra 6 e 8 è anche il più favorevole alla vita dei lombrichi e dei microrgsnismi presenti  nel terreno



Quando il terreno è inadatto o troppo contaminato dagli usi precedenti si può attuare la tecnica descritta nella foto, creando aiuole rialzate riempite con terra o terriccio sani e adatti


Iscriviti alle News di Coltivare l'orto

Verrai subito reindirizzato alla pagina per scaricare tutti gli ebook gratuiti disponibili

Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu